Sul pensiero critico e i vaccini

Prendete quello che ho scritto per un momento di riflessione, senza polemica.Operando online in qualsiasi forma abbiamo delle responsabilità su quello che postiamo o linkiamo che siano foto, video o contenuti di testo. Quando si toccano argomenti delicati non si può essere superficiali, non basta fermarsi alla prima fonte. Piuttosto di postare qualcosa di cui non siamo sicuri è meglio lasciar stare, secondo me. Ultimamente penso che più che “nell’era dell’informazione digitale” in realtà viviamo nella disinformazione. Navighiamo in un mare in cui galleggiano una maggioranza di fake news e cose distorte mentre le notizie vere, i fatti, sono la minoranza, sono difficili da trovare e identificare.

Tutti conosciamo l’uso dei cookies e il nostro computer e smartphone sembra che ci leggano nella mente proponendoci sempre un certo tipo di pubblicità o facendoci rivedere cose che abbiamo cercato in precedenza. Questi sistemi di tracking delle nostre preferenze costituiscono strumenti potentissimi; quando facciamo una ricerca online crediamo di visualizzare “tutti i risultati”, in realtà internet ci propone cose che confermano sempre il nostro pensiero o quello che abbiamo già cercato.

Fate una prova, cercate una teoria qualsiasi e aprite diversi link e poi dopo un po’ provate a cercare il suo contrario, troverete comunque i primi siti aperti riproporsi.

Faccio questa premessa perché credo che dobbiamo cercare di gestire consapevolmente questa manipolazione. È vero che abbiamo l’accesso a internet ed è già un grande sintomo di libertà rispetto a tanti paesi in cui vige la censura (presto metterò un post sul mio viaggio a Cuba, e un esempio recente è la Turchia dove a fine Aprile dal governo è stata oscurata Wikipedia), ma non tutto è davvero libero come sembra.

Non volevo parlare di vaccini, ma poi ho fatto una riflessione. Mi sono accorta che il nostro cervello funziona un po’ allo stesso modo di internet. Cerchiamo per natura le conferme alle cose che ci fanno stare bene con noi stessi, che sono coerenti col nostro sistema di valori perché confermare quello che crediamo già è più comodo e più facile rispetto a mettersi in crisi e cambiare vedute. Credere una certa cosa ha senso e valore per noi perché all’uomo non piace sentirsi perso, confuso e insicuro.

Nasciamo e cresciamo in un certo ambiente in cui formiamo le nostre opinioni e orientamenti. Abbiamo sempre una base di partenza che è la nostra educazione ed esperienza. Faccio l’esempio pratico col tema “vaccini”: se la mia esperienza è sempre stata positiva cercherò di confermare a me stessa che è una cosa buona farli. Se poi un giorno ho avuto una forte reazione a un vaccino, una esperienza negativa mi segna allora cercherò le prove per dire che fanno male, cercherò di capire perché e trovare legami e teorie a sostegno di questo e la mia opinione forse muterà. La maggior parte delle volte però l’uomo ragiona per causa/effetto in sequenza temporale, invece gli studi scientifici non sono così, sono complessi elaborati e vasti.

Mia sorella è un medico e in generale io mi fido della scienza, della medicina e della ricerca. Quando però un tema diventa così controverso e sotto i riflettori, mi faccio naturalmente delle domande, anche se sono sempre stata portata a pensarla in un modo per educazione e influenze dell’ambiente, cerco di essere critica e per dover di cronaca verso me stessa leggo anche le teorie opposte per vedere se mi convincono.

Video te lo spiego:
https://www.youtube.com/watch?v=rDcGRvWvXl0

Il falso legame tra vaccini e autismo è storia vecchia su cui non mi soffermo, eppure è una bufala che ancora sopravvive e ed è durata tantissimo.

Invece, a proposito del nuovo vaccino (non obbligatorio) contro l’HPV sul mercato da circa 10 anni, ho cercato e letto molto; essendo piuttosto recente gli studi “a posteriori” hanno bisogno di più tempo e anche di più dati, nel frattempo non si è potuta scientificamente dimostrare la correlazione tra vaccino e l’insorgere di malesseri o malattie in alcune ragazze (se non per un ragionamento semplice di sequenza: prima stavo bene, poi ho fatto il vaccino, poi stavo male, allora è colpa del vaccino.) Ci sono comunque molte questioni aperte e questo vaccino HPV merita certamente ancora attenzione e approfondimenti; si dice che è stato commercializzato in modo affrettato e propagandistico, allarmando troppo la popolazione e senza presentarne chiaramente rischi e benefici. Io non ho ancora una opinione definita perché le informazioni sono ancora troppo poche, però si tratta solo di un tipo particolare di vaccino, non può pertanto rappresentare la scusa anche per contraddire tutti gli altri che hanno combattuto ormai da centinaia di anni diverse malattie epidemiche.

Faccio un piccolo salto logico. Sapete per esempio che esistono persone che dicono che i tumori non esistono (hameriani) ? Sono come i revisionisti che dicono che l’olocausto non c’è stato. Infatti a poco a poco vengono radiati dall’albo. Eppure in qualche modo anche le cose assurde e oscene acquistano nel mondo di oggi forza e sostegno e riescono a propagarsi e a diventare fonte di “informazione” che molte persone ritengono attendibile e diffondono a loro volta.

A me al solo sentire la parola “revisionista” vengono i brividi. Provo terrore al pensiero che le persone si possano lasciare convincere da chi crede di dover correggere la storia e le ideologie in modo pericoloso e sovversivo.

In internet tutti possono diventare esperti di una materia perché non c’è un filtro di “autorevolezza”, tutti possono intervenire nella stessa arena. Se vado a un congresso sui tumori direi che ho più probabilità di sentire parlare persone competenti invece che on online. E poi è abbastanza facile costruirsi una carriera finta, pubblico (a mie spese) un po’ di cose che ho scritto e le mie teorie farneticanti, faccio qualche video dove intervengo in convegni autoreferenziali organizzati da me ed ecco che sembro un massimo esperto, infine mi faccio notare da qualche radio, mi intervistano in tv e il gioco è fatto.

Per questo bisogna essere cauti. Io cosa posso fare in questo momento? Perché se voglio cercare di convincermi delle cose negative, delle teorie complottiste, del “tutto è male”, troverò sempre pane per i miei denti, ma non vado molto lontano. Invece cercare le prove a sostegno delle cose che credo buone e giuste o perfino palesi, forse sembra sciocco, eppure è necessario, quando nell’ombra del dubbio instillato ho bisogno di rinvigorire le mie credenze.

Voglio essere critica ma lo scopo ultimo non è per me sovvertire l’ordine mondiale, ma avere fiducia in quello che esiste, contribuire a quello che penso faccia bene alla mia società e sia giusto per i suoi individui. Come i vaccini. Quindi ho voluto capire se le opinioni a favore dei vaccini sono abbastanza ben argomentate, e per farlo ho valutato sia tutte le opinioni dei pro che dei contro.

Le informazioni fornite da quelli contro sono generalmente parziali, frammentate o incomplete e spesso costruite in modo tale da fare allusioni, lasciar pensare cose che non sono perché non danno la risposta completa, non vanno fino in fondo…. Ti elencano una serie di cose che dapprima sembrano scioccanti, ma anche se sono vere vanno relativizzate, contestualizzate e allora assumono tutt’altro valore.

Prendo solo una teoria come esempio: i vaccini contengono metalli pesanti che avvelenano le persone. E’ vero li contengono, come adiuvanti necessari al funzionamento del vaccino stesso, per provocare una risposta dell’organismo, però i metalli pesanti sono dappertutto. La quantità nei vaccini non è paragonabile a quella che ingeriamo con un tonno in scatola o respiriamo ogni giorno con l’inquinamento senza battere ciglio. Allora perché tanto shock? Solo perché prima non sapevamo come sono fatti i vaccini e abbiamo vissuto anche molto bene ignorandolo, poi all’improvviso ci sconvolge e mettiamo tutto sotto accusa. Eppure il pesce ha il mercurio, ce lo hanno detto mille volte ma il sushi lo mangiamo eccome, anche nei ristoranti all you can eat di dubbia onestà. Volendo c’è un complotto dappertutto: la case farmaceutiche fanno finta di curarci per farci ammalare, le case automobilistiche ci avvelenano mentendo sui filtri antismog, l’industria alimentare ci avvelena, le fabbriche ci avvelenano, i cinesi che gestiscono i ristoranti sushi ci avvelenano…

Insomma voi contrari non volete vaccinare i vostri figli ma gli date prodotti col BPA, pannolini tossici, biscotti con l’olio di palma e merendine industriali coi grassi cattivi. Il troppo accesso alle informazioni crea tutto questo caos, questo panico e questa malainformazione che si diffonde proprio come un virus.

Qui però l’unico vaccino volontario autosomministrabile è fatto di prudenza e perspicacia.

Suggerimento Libro del Dott. Roberto Burioni: “Il vaccino non è un’opinione”, 2016, Mondadori.

Annunci