NESSUN UOMO DEVE RESTARE IMPUNITO!

Una breve riflessione su questo fatto: gli uomini in coppia si lamentano costantemente delle loro compagne: assillanti, pesanti, tartassanti, rompono, rinfacciano, rimarcano…

Per par condicio mi verrebbe da dire che questo succede sicuramente anche nelle coppie uomo-uomo/donna-donna dove sicuramente uno dei due subisce questa sorte di essere la parte che istruisce e impartisce mentre l’altro/a fa quello/a che subisce e grugnisce…

In ogni caso, secondo le statistiche gli uomini in coppia (di qualsiasi tipo essa sia, formalizzata e non, davanti a Dio o al messo comunale) grazie alle partner vivono molto meglio e più a lungo rispetto agli uomini che restano single.

Si, nonostante il rompimento di palle che adoperano le donne, alla fine aiutano gli uomini a prendersi più cura di loro stessi, della propria salute, a mangiare meglio, muoversi di più, prendere le pastiglie, ricordarsi di saldare i debiti con lo strozzino, controllare regolarmente la prostata e il colesterolo e insomma vivere di più.

Secondo me agli uomini piace questo fatto del branco, di sentirsi parte di una gruppo di vittime del destino, di potersi lamentare tra loro ognuno della propria metà. Ci ricamano sopra. Eppure alla fine sono convinta anche che sotto sotto siano proprio loro a volere che le compagne li guidino e li accompagnino e li consiglino e li accudiscano e li redarguiscano.

Molti uomini si pongono degli obiettivi: tipo bere/fumare di meno e mangiare sano, ma non hanno abbastanza volontà e gli manca quella determinazione ostinata e cocciuta e persino ottusa che tante volte solo le donne sanno tirare fuori, per questo lasciano fare a loro, lasciano svolgere questo compito ingrato di polizia alle bistrattate consorti.

Chi si fa anche l’amante poi si dice che di solito ringiovanisce e quindi subisce un doppio effetto rinvigorente.

Non pensate anche voi che tutto ciò sia un po’ grottesco? Una vita più lunga, ma la devi passare accanto tua moglie! Perciò SPOSATELI questi uomini e PUNITELI!

Ah, dimenticavo, non aspettate me… io dubito che mi sposerò e certamente non in chiesa.

http://www.notizie.it/chi-vive-di-piu-gli-uomini-sposati-o-i-single/

Annunci

JUNGGESELLEN – SCAPOLONI

Estate 2013 Zurigo, Werd-insel quartiere Höngg. Vado ad una inusuale rappresentazione artistica nel parco con la mia coinquilina, una roba di teatro contemporaneo molto carina e originale. C’è una ragazza seduta ad un tavolino in mezzo al prato che sembra fungere da sportello biglietteria di questo teatro all’aperto. Ci porge delle cuffie e ci dice di sederci in diversi punti allestiti con delle sedute ad ascoltare degli audio in ordine casuale: i sonori sono racconti di persone che parlano dell’essere single, della liberta, delle scelte di coppia.

A un certo punto dei racconti, mentre ascolti e al contempo osservi la gente che prende il sole, che fa il bagno, che chiacchera, che legge, ti accorgi che parte dei presenti che pensavi essere sedute lì a caso nel parco, sono in realtà attori che impersonificano le storie degli audio. E come in una magia tutto l’ambiente acquista un senso diverso.

Il titolo Jungesellen in tedesco significa scapoloni, -un concetto molto caro a noi italiani ma evidentemente anche in altri paesi spopola…- cioè chi rifugge le storie serie e impegnative soprattutto concependo la coppia come un limite alla libertà individuale. Nei racconti, che sembravano proprio interviste di persone normali (e molto probabilmente lo erano) uomini e donne di diverse età parlavano del loro modo di essere single, dei vantaggi ma anche delle mancanze. Mi ricordo una voce che diceva che quando usciva con altre coppie con figli si annoiava tantissimo. Il mondo dei genitori come lontano anni luce dal mondo delle persone senza figli. Irrimediabilmente inconciliabile. Insomma una palla infinita.

I racconti avevano un gusto un po’ triste e malinconico. Si intravedeva la solitudine, anche se per scelta. Si evince che la sola cosa fondamentale che manchi ai single sia il sesso; invece tutto quello che sta nella sfera affettiva a due, non sembra essere così tanto importante, forse perché si può in qualche modo surrogare e sostituire con altri tipi di affetto: per gli amici, per i nipoti, ecc… Lo scapolone (ma anche la scapolona – ovviamente senza discriminare) dunque è libero da ogni tipo di compromesso e dalla noia e dalla monotonia di un rapporto a due. Anche qui una palla infinita, evidentemente.

Vado via dal parco -come al solito- con delle domande:

  • Ma tutta questa libertà non può essere anche una gabbia?
  • L’amore è davvero un limite? (che è diverso dal quesito se l’amore ha un limite che ci siamo gia posti qui   )

Faccio qualche considerazione. La libertà filosoficamente non esiste, perché non può essere assoluta, neanche idealmente. La libertà di per sè non può prescindere dalla sua stessa autolimitazione nel momento in cui incontra un altro individuo. Un concetto affascinante che come lo pensi già ti sfugge. Come quando cerchi di pulire le orate coi guanti da cucina.

Dice Rawls: “Ogni persona ha un uguale diritto alla più estesa libertà fondamentale, compatibilmente con una simile libertà per gli altri.”

Quindi la libertà è un falso mito. Invece di essere una palla infinita, l’altra persona rappresenta un baluardo, ci dà la misura del nostro agire. Ci dà il senso delle nostre azioni, e quindi il loro valore (se buone o cattive, se giuste o sbagliate).

Spinoza –che concepisce la libertà come indipendenza e autonomia e non come concetto di arbitrio o di scelta- ha spiegato così questa idea di libertà: “L’uomo, per la sua stessa natura di essere limitato, non potrà mai aspirare alla pienezza della libertà (cioè a non essere condizionato da niente se non da se stesso nel proprio agire): la natura umana, infatti, è caratterizzata dagli “Affetti” e dalle “passioni” che spesso ne determinano le scelte. Il condizionamento, quindi, fa parte dell’essenza dell’uomo, ma è possibile liberarsene con un uso corretto della ragione.”

In sintesi tanto più sei libero tanto più agirai nella ragione, nel bene e nel giusto verso tutti e anche verso il tuo partner.

L’ultimo passo di questo ragionamento da un pomeriggio primaverile qualsiasi, sta nel disquisire piacevolmente sulla differenza tra liberta da e liberta di. Libertà negativa = assenza di impedimenti. Libertà positiva = autodeterminazione, orientare il proprio volere a uno scopo preciso. Ora, permettetemi di dire che l’amore non è un limite in nessuno dei due sensi. Certo una persona ci può limitare, può chiederci di fare o non fare alcune cose o addirittura obbligarci o ricattarci, ma non l’amore. La persona. Quindi il problema non è la coppia ma chi la abita. Essere in coppia non costituisce di per sé un limite alcuno (per esempio non ti vieta di essere libero di andare in viaggio da solo, coltivare i tuoi interessi, fare delle cose per conto tuo come individuo singolo e quindi mantenere la tua autonomia.). Ci sono coppie per fare un esempio assurdo, che ammettono il tradimento reciproco, quindi nemmeno la fedeltà si può porre come estremo confine dell’agire del singolo se trovi la persona giusta che condivide le tue stesse idee. La coppia è libera sia fuori che dentro di se. Questa è la mia conclusione filosofica.

Certo a livello teorico è bellissimo, mi piace fare questi viaggi mentali sapendo benissimo che la realtà non rispecchia la verità del pensiero. Però anche solo averlo teorizzato e aver dato un senso a questo pensiero me lo fa sembrare più vicino, più probabile, più possibile.

Vi lascio con una citazione di Leonardo Becchetti: “Ma essere liberi non si esaurisce e non coincide necessariamente con la libertà di fare qualunque cosa ci venga in mente. Esistono infatti altre due forme importantissime di libertà che sono la “libertà da” e la “libertà per“. (…) Per “libertà per” intendiamo la decisione volontaria e, appunto, liberamente scelta di colui che sceglie di dedicare le proprie energie a un obiettivo ideale in grado di mobilitarlo. La “libertà per” è il vero segreto della felicità come ci ricorda il filosofo ed economista inglese John Stuart Mill in un bellissimo aforisma nel quale afferma che non si è felici se si cerca la propria felicità per se stessa, ma si trova piuttosto la propria felicità lungo la strada quando si dedica la propria vita a una causa degna di essere perseguita.”

Scusate se sono stata una palla infinita oggi.

CREDITS:

http://www.treccani.it/enciclopedia/liberta_(Enciclopedia-del-Novecento)/

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/sviluppo-e-vero-benessere-le-tre-liberta

http://www.jessicahuber.ch/piece/junggesellen

I hate S. Valentine

San Valentino was a poor bishop of the 1st century who was beheaded at the venerable age of 97. And that’s all. Even for a martyr he had it not too bad.

dryiconsTell me what is there to celebrate today? I truly believe that love is something that does not need a special day to be remembered, cause if you love someone everyday is a celebration, love is everywhere and should be in anything around us. But, the real reason why I hate San Valentine’s day is because is the feast of a minority. Feast days should not be discriminating among human beings!!! Furthermore because singles deserve as much love as the others, or more, even! Come on especially nowadays singles rule the world!

Therefore I frown at all the flowers which will be circulating tomorow increasing the production of CO2 in the environment; at all the chocolate that will be eaten and then transformed in fatty cells in the woman’s tighs so that she can blame him for having given her a sign of this love (in the end I almost could conclude the theory with LOVE= makes you fat!), at all the jewellery that will be bought and then end up unused (cause when you break up you can’t wear it anymore! Believe me and the beautiful pearl pendent with my name hand written by a chinese artisan in micro charachters, which lies at the bottom of my jewel box abandoned!!!). I frown at all this consumption of goods which transforms in consumption of the precious and beautiful and meaningful things which feelings are, in the end.

Yes ok, you say maybe I am just another unhappy sour single… But even as a coupled-person I hated this day. I hate that we need to feel obliged to do something about it, as a social imposed rule.

Whatever! I am going out celebrating with my friends, which are the most important love filling up my life at present time.