FUROSHIKI

Eccomi di nuovo a dilungarmi sull’Asia. Perdonatemi ma non posso proprio farne a meno.

Ma quanta poesia c’è in Giappone???

Infatti torno a parlarne per un’altra usanza secondo me bellissima.

L’arte di avvolgere vari oggetti piegando un foulard -tradizionalmente quadrato e chiamato furoshiki appunto- per il trasporto dei vestiti, del pranzo nel classico bentō o di un dono (in questo caso la stoffa si predilige di seta o comunque pregiata). Le stampe di queste stoffe sono coloratissime, con vari disegni e hanno anche una simbologia particolare.

Di questi fagottini elegantemente piegati e annodati ce ne sono davvero di bellissimi!


Mi fa pensare a una certa distinta delicatezza che i giapponesi hanno come fosse una loro marcia in più. Un ingrediente segreto che è rappresentato dalla cura che loro mettono nelle cose e in certi dettagli.

Io non so fare bene i pacchetti dei regali, anche perché lo trovo inconsciamente inutile e quindi non ci ho mai messo impegno a imparare bene. La mia è una visione “utilitaristica”: siccome poi il regalo lo scarti e lo usi il pacchetto è di per se una cosa che va gettata e quindi non merita molta attenzione. In questo forse dovrei decisamente essere un po’ più aggraziatamente giapponese…

Quanta ritualità tradotta in gesti semplici eppure così sacri mi meraviglia, adoro questo loro modo di mantenere vivi e far sopravvivere queste tradizioni antiche all’interno del loro stile di vita modernissimo e frenetico.

L’attenzione per l’ambiente e la sensibilità per l’ecologia ha portato il governo nel 2006 a promuovere una campagna per rinnovare l’uso di questa tecnica di trasporto distribuendo uno speciale furoshiki “green” stampato e ricavato da bottiglie PET riciclate. Questo speciale versione è stata chiamata mottainai furoshiki, e qui riemerge tutta la poesia nipponica, infatti mottainai significa il dispiacere per qualcosa che diventa un rifiuto senza averne sfruttato pienamente le potenzialità.

env_go_jp

Sembra che questo “fazzoletto” fosse nato proprio per raccogliere gli indumenti quando i giapponesi iniziavano a frequentare i bagni pubblici (Onsen e Sento) e quindi evitavano in questo modo che gli abiti fossero confusi con altri o persi. Un rituale (quello del bagno e della purificazione) che conduce all’altro.

Il Giappone ha una cultura ricchissima e affascinante come poche: penso alla cerimonia del tè dove un gesto che sembra così banale per noi occidentali superficiali assume rilevanza di pratica spirituale zen e di massima espressione estetica attraverso i fiori (Ikebana) e la disposizione degli oggetti (braciere, ciotole, strumenti ecc.); poi penso ai templi e ai santuari, ai samurai, alla fioritura dei ciliegi (Sakura)… ne avremmo di cose di cui parlare…

C’è in Giappone una spiritualità ineguagliabile che non ho (ancora) trovato altrove.

https://it.wikipedia.org/wiki/Furoshiki

http://www.giapponeinitalia.org/furoshiki-cento-usi-di-un-quadrato-di-stoffa-2/

http://furoshiki.com/techniques

Guardami mangiare – mukbang

L’Asia mi affascina molto. Ogni tanto ho parlato del Giappone, dei sapori e della cultura, di un paese che ho sognato tanto da ragazzina attraverso i libri e che poi quando ci sono stata da grande mi ha stregato.Oggi vi racconto di un fenomeno che come molte altre cose dell’Asia, mi lascia a bocca a aperta, stupefatta, al punto da sentire chiara una voce nella mia testa con un forte accento romanesco che fa: “ma che, davero???”. (vedi sotto *)

Il MUKBANG. Ovvero mangiare in webcam a pagamento (eating + broadcasting). Spopola dal 2009 e si è originato in Corea del Sud (sud è una precisazione superflua perché al nord non possono neanche pensare, figuratevi usare internet.. ma comunque per precisione geografica non fa mai male chiarire).

Ci sono questi personaggi -i BJ broadcasting jockey- che si mettono lì davanti alla webcam, a volte cucinano e poi mangiano, altre volte mangiano e basta, per ore di fila. Ogni tanto chattano live con i propri spettatori tra un risucchio di zuppa e una masticata sonora. (*Per esempio fare rumori col cibo è tra le cose che in Asia sono socialmente accettate e da noi socialmente da evitare). Con le dita unte.

Sono dei personaggi stravaganti ma anche persone abbastanza nella media, persone comuni insomma. Una delle più famose BJ è giovanissima e anche molto bizzarra e giustamente si concia con look stravaganti da cartone animato in perfetta coerenza asiatica manga/anime.

Ma è magra! Nonostante mangi come ci si aspetterebbe da un lottatore di sumo, o da un reduce dell’isola dei famosi, o da un emiliano qualsiasi a pranzo la domenica… E già qui mi viene qualche dubbio sul messaggio che passa e che può essere negativo.

Poi onestamente sapere che i più seguiti guadagnano fino a 10.000 dollari al mese mi sconvolge un po’.


Noi siamo il paese del “cibo come strumento sociale” per eccellenza, i contratti di lavoro, il business, le più delicate discussioni di famiglia, si fanno tutte a tavola. Se porti il fidanzato a conoscere la famiglia è per pranzo o per cena, non certo per il tè!

Invece in Asia dove vige una cultura isolazionista e dove la competizione in tutti i campi -incluso quello sociale- è molto pesante, guardare un altro mentre mangia lo si fa probabilmente anche per compagnia, per scacciare la solitudine, oltre che per voyerismo e qualche altra patologia psichica (a parte gli scherzi in realtà il tasso di suicidi in Corea è altissimo)…

Ma da noi non funzionerebbe mai. Se anche dovesse interessare a qualcuno qui da noi io mangerei volentieri a pagamento!

Oppure in alternativa e come versione sequel potrei filmarmi mentre cerco di perdere tutti i chili che ho accumulato mangiando.

Il cibo nasconde le nostre ansie della società moderna e tecnologica, rivela strani feticismi.

Nel cibo troviamo le consolazioni che i rapporti sociali non offrono (più).

Conosco persone che non vanno a vivere da sole pur potendoselo permettere perché hanno paura di mangiare da soli e quindi stanno ancora coi genitori.

Dopo il porn normale, il foodporn è uno dei termini più cliccati e hashtaggati del web! Dai programmi di cucina alle foto che facciamo dei piatti al ristorante per poi condividerle è tutto un eccitamento dei sensi. Perverso ma lecito.

C’è una sorta di apatia sociale in tutto questo, forse siamo troppo apatici per fare le cose noi da protagonisti che dobbiamo colmare i vuoti guardando gli altri farle. Cucinare, mangiare, il prossimo livello sarà guardare gente che dorme.

Adesso c’è addirittura un programma in cui si guardano le persone guardare la TV. Guardare la TV è già il massimo dell’inattività di per sé, se viene poi portata al cubo perché guardi gli altri guardare… non rimane che una radice cubica della nostra essenza, un numero infinitamente piccolo e insignificante che rappresenta la nostra esistenza. 

Buon appetito.

“Aripijateve”

Sul pensiero critico e i vaccini

Prendete quello che ho scritto per un momento di riflessione, senza polemica.Operando online in qualsiasi forma abbiamo delle responsabilità su quello che postiamo o linkiamo che siano foto, video o contenuti di testo. Quando si toccano argomenti delicati non si può essere superficiali, non basta fermarsi alla prima fonte. Piuttosto di postare qualcosa di cui non siamo sicuri è meglio lasciar stare, secondo me. Ultimamente penso che più che “nell’era dell’informazione digitale” in realtà viviamo nella disinformazione. Navighiamo in un mare in cui galleggiano una maggioranza di fake news e cose distorte mentre le notizie vere, i fatti, sono la minoranza, sono difficili da trovare e identificare.

Tutti conosciamo l’uso dei cookies e il nostro computer e smartphone sembra che ci leggano nella mente proponendoci sempre un certo tipo di pubblicità o facendoci rivedere cose che abbiamo cercato in precedenza. Questi sistemi di tracking delle nostre preferenze costituiscono strumenti potentissimi; quando facciamo una ricerca online crediamo di visualizzare “tutti i risultati”, in realtà internet ci propone cose che confermano sempre il nostro pensiero o quello che abbiamo già cercato.

Fate una prova, cercate una teoria qualsiasi e aprite diversi link e poi dopo un po’ provate a cercare il suo contrario, troverete comunque i primi siti aperti riproporsi.

Faccio questa premessa perché credo che dobbiamo cercare di gestire consapevolmente questa manipolazione. È vero che abbiamo l’accesso a internet ed è già un grande sintomo di libertà rispetto a tanti paesi in cui vige la censura (presto metterò un post sul mio viaggio a Cuba, e un esempio recente è la Turchia dove a fine Aprile dal governo è stata oscurata Wikipedia), ma non tutto è davvero libero come sembra.

Non volevo parlare di vaccini, ma poi ho fatto una riflessione. Mi sono accorta che il nostro cervello funziona un po’ allo stesso modo di internet. Cerchiamo per natura le conferme alle cose che ci fanno stare bene con noi stessi, che sono coerenti col nostro sistema di valori perché confermare quello che crediamo già è più comodo e più facile rispetto a mettersi in crisi e cambiare vedute. Credere una certa cosa ha senso e valore per noi perché all’uomo non piace sentirsi perso, confuso e insicuro.

Nasciamo e cresciamo in un certo ambiente in cui formiamo le nostre opinioni e orientamenti. Abbiamo sempre una base di partenza che è la nostra educazione ed esperienza. Faccio l’esempio pratico col tema “vaccini”: se la mia esperienza è sempre stata positiva cercherò di confermare a me stessa che è una cosa buona farli. Se poi un giorno ho avuto una forte reazione a un vaccino, una esperienza negativa mi segna allora cercherò le prove per dire che fanno male, cercherò di capire perché e trovare legami e teorie a sostegno di questo e la mia opinione forse muterà. La maggior parte delle volte però l’uomo ragiona per causa/effetto in sequenza temporale, invece gli studi scientifici non sono così, sono complessi elaborati e vasti.

Mia sorella è un medico e in generale io mi fido della scienza, della medicina e della ricerca. Quando però un tema diventa così controverso e sotto i riflettori, mi faccio naturalmente delle domande, anche se sono sempre stata portata a pensarla in un modo per educazione e influenze dell’ambiente, cerco di essere critica e per dover di cronaca verso me stessa leggo anche le teorie opposte per vedere se mi convincono.

Video te lo spiego:
https://www.youtube.com/watch?v=rDcGRvWvXl0

Il falso legame tra vaccini e autismo è storia vecchia su cui non mi soffermo, eppure è una bufala che ancora sopravvive e ed è durata tantissimo.

Invece, a proposito del nuovo vaccino (non obbligatorio) contro l’HPV sul mercato da circa 10 anni, ho cercato e letto molto; essendo piuttosto recente gli studi “a posteriori” hanno bisogno di più tempo e anche di più dati, nel frattempo non si è potuta scientificamente dimostrare la correlazione tra vaccino e l’insorgere di malesseri o malattie in alcune ragazze (se non per un ragionamento semplice di sequenza: prima stavo bene, poi ho fatto il vaccino, poi stavo male, allora è colpa del vaccino.) Ci sono comunque molte questioni aperte e questo vaccino HPV merita certamente ancora attenzione e approfondimenti; si dice che è stato commercializzato in modo affrettato e propagandistico, allarmando troppo la popolazione e senza presentarne chiaramente rischi e benefici. Io non ho ancora una opinione definita perché le informazioni sono ancora troppo poche, però si tratta solo di un tipo particolare di vaccino, non può pertanto rappresentare la scusa anche per contraddire tutti gli altri che hanno combattuto ormai da centinaia di anni diverse malattie epidemiche.

Faccio un piccolo salto logico. Sapete per esempio che esistono persone che dicono che i tumori non esistono (hameriani) ? Sono come i revisionisti che dicono che l’olocausto non c’è stato. Infatti a poco a poco vengono radiati dall’albo. Eppure in qualche modo anche le cose assurde e oscene acquistano nel mondo di oggi forza e sostegno e riescono a propagarsi e a diventare fonte di “informazione” che molte persone ritengono attendibile e diffondono a loro volta.

A me al solo sentire la parola “revisionista” vengono i brividi. Provo terrore al pensiero che le persone si possano lasciare convincere da chi crede di dover correggere la storia e le ideologie in modo pericoloso e sovversivo.

In internet tutti possono diventare esperti di una materia perché non c’è un filtro di “autorevolezza”, tutti possono intervenire nella stessa arena. Se vado a un congresso sui tumori direi che ho più probabilità di sentire parlare persone competenti invece che on online. E poi è abbastanza facile costruirsi una carriera finta, pubblico (a mie spese) un po’ di cose che ho scritto e le mie teorie farneticanti, faccio qualche video dove intervengo in convegni autoreferenziali organizzati da me ed ecco che sembro un massimo esperto, infine mi faccio notare da qualche radio, mi intervistano in tv e il gioco è fatto.

Per questo bisogna essere cauti. Io cosa posso fare in questo momento? Perché se voglio cercare di convincermi delle cose negative, delle teorie complottiste, del “tutto è male”, troverò sempre pane per i miei denti, ma non vado molto lontano. Invece cercare le prove a sostegno delle cose che credo buone e giuste o perfino palesi, forse sembra sciocco, eppure è necessario, quando nell’ombra del dubbio instillato ho bisogno di rinvigorire le mie credenze.

Voglio essere critica ma lo scopo ultimo non è per me sovvertire l’ordine mondiale, ma avere fiducia in quello che esiste, contribuire a quello che penso faccia bene alla mia società e sia giusto per i suoi individui. Come i vaccini. Quindi ho voluto capire se le opinioni a favore dei vaccini sono abbastanza ben argomentate, e per farlo ho valutato sia tutte le opinioni dei pro che dei contro.

Le informazioni fornite da quelli contro sono generalmente parziali, frammentate o incomplete e spesso costruite in modo tale da fare allusioni, lasciar pensare cose che non sono perché non danno la risposta completa, non vanno fino in fondo…. Ti elencano una serie di cose che dapprima sembrano scioccanti, ma anche se sono vere vanno relativizzate, contestualizzate e allora assumono tutt’altro valore.

Prendo solo una teoria come esempio: i vaccini contengono metalli pesanti che avvelenano le persone. E’ vero li contengono, come adiuvanti necessari al funzionamento del vaccino stesso, per provocare una risposta dell’organismo, però i metalli pesanti sono dappertutto. La quantità nei vaccini non è paragonabile a quella che ingeriamo con un tonno in scatola o respiriamo ogni giorno con l’inquinamento senza battere ciglio. Allora perché tanto shock? Solo perché prima non sapevamo come sono fatti i vaccini e abbiamo vissuto anche molto bene ignorandolo, poi all’improvviso ci sconvolge e mettiamo tutto sotto accusa. Eppure il pesce ha il mercurio, ce lo hanno detto mille volte ma il sushi lo mangiamo eccome, anche nei ristoranti all you can eat di dubbia onestà. Volendo c’è un complotto dappertutto: la case farmaceutiche fanno finta di curarci per farci ammalare, le case automobilistiche ci avvelenano mentendo sui filtri antismog, l’industria alimentare ci avvelena, le fabbriche ci avvelenano, i cinesi che gestiscono i ristoranti sushi ci avvelenano…

Insomma voi contrari non volete vaccinare i vostri figli ma gli date prodotti col BPA, pannolini tossici, biscotti con l’olio di palma e merendine industriali coi grassi cattivi. Il troppo accesso alle informazioni crea tutto questo caos, questo panico e questa malainformazione che si diffonde proprio come un virus.

Qui però l’unico vaccino volontario autosomministrabile è fatto di prudenza e perspicacia.

Suggerimento Libro del Dott. Roberto Burioni: “Il vaccino non è un’opinione”, 2016, Mondadori.

Cardiff e il rugby

All alba di una vittoria della Juve e a pochi giirni da un grande evento finalistico: Scusate la mia ingenuità e questa domanda retorica che tanto non cambia nulla: ma perché si parla sempre e solo di calcio?

A me piacciono tanto il basket e la pallavolo che da guardare dal vivo sono anche molto più dinamici ed emozionanti.

E poi sapete no che esistono tutti quegli sport strani di nicchia tipo hockey su rotelle con delle ragazze che sfrecciano in hotpants o football in lingerie (solo in America), il futsal, il floorball, il softball… A parte questi che sono specchietti per le allodole maschie, ce ne sono tanti di sport belli, interessanti, che insegnano qualcosa e che sono lontani dal cliché “sportivo ricco + moglie subrette”.

In Svizzera seguivo anche un po’ di hockey che aveva quasi la stessa risonanza del calcio a livello nazionale, ma direi che è normale perché loro sono scarsetti a calcio ma forti negli sport “del freddo”.

Poi grazie alla mia amica Keira sono stata due volte a Cardiff ed entrambe le volte al Millennium Stadium a vedere la partita di Rugby Galles-Italia per il torneo 6 Nazioni.

Ero seduta con la maglia azzurra sponsorizzata CARIPARMA nella tribuna del Galles, vicino alla mia amica in rosso Wales e circondata da famiglie e tifosi di ogni tipologia e genere.


La cosa eccezionale è che tutti erano lì per il gioco. Potevo gridare, esultare, agitarmi (senza offendere i miei avversarsi, si intende) che nessuno batteva ciglio. Anzi scherzavano e partecipavano.

Era sport. Era fair. Era bello. C’era la birra. C’erano gli snack da stadio tipo chips e hot dog e poi altra birra.

E alla fine della partita non importava chi vincesse perché c’era comunque dell’altra birra, molta birra, da bere tutti insieme al pub.

Il rugby è fatto di omaccioni che incutono terrore ma poi sono come degli orsetti giganti. Con la birra si amano tutti, se le danno di santa ragione sul campo ma poi vanno d’accordo e soprattutto alla fine si rispettano.

Che cosa ci insegna il grande calcio della tv oggi? Questo è quello che vedo io: Campanilismo estremo, offese, razzismo, scherzi macabri, violenza, denunce, scommesse, frodi, teste calde, macchine veloci, feste, eccessi e donne. E poi arricchirsi quanto più possibile, scappare in Cina per i soldi, vendere tutto ai Cinesi sempre per i soldi…

HAMBURG – 30 anni

Se avete già compiuto 30 anni avete certamente presente quella sensazione dell’inesorabile momentum che avanza. Uno stargate spaziotemporale che vi risucchia piano piano e che fa da spartiacque tra la vostra vita come l’avete conosciuta fino adesso: spensierata, tonica e leggera, e dall’altro lato un mondo grigissimo di responsabilità, lavoro, imposizioni sociali, rughe, afflosciamenti e tappe che crediamo di dover obbligatoriamente percorrere.

L’avvicinarsi di questa data sul mio calendario della cucina e anche in quello biologico, mi ha spinto a fare cose mai fatte prima. Ho riflettuto e ho mi sono detta: “Se questo – l’età che avanza ndr – potesse essere definito un problema avresti due modi di gestirlo: affrontarlo o schivarlo. Siccome non si può concretamente affrontare né tantomeno risolvere se non stanziando ingenti somme all’estetista alla palestra, al chirurgo… che sono tuttavia solo dei palliativi perché poi dovresti pagare pure quelli che ti danno del lei per farli tacere… o un sicario che desse una lezione alle care zie che ti chiedono sempre quando ti sposi… insomma troppo costoso e comunque non si può veramente risolvere l’invecchiamento se non con la nostra propria morte. Dunque non ci resta che schivarlo e quindi organizzare una grandissima distrazione che farà da catalizzatore e porterà via tutto lo stress dei 30: cioè una festa megagalattica!”

E con questa brillante idea allo scadere dei 6 mesi prima ho inviato un rsvp ai miei amici sparsi nel globo, circa una 50ina! Sull’invito campeggiava il motto dell’evento: “30 IS THE NEW 20, BUT WITH MONEY!”

Tra i 6 e i 3 mesi ho iniziato a organizzare concretamente l’evento: destinazione, locali, opzioni, contatti, attività. Del resto uscivo fresca fresca da un lavoro nel turismo quindi –modestamente parlando- ero competente e preparata.

E’ stata scelta Hamburg perché: 1 non c’ero mai stata, 2 è una grande città, 3 ha sicuramente un aeroporto ben collegato con tutte le nazioni dove si trovavano i miei amici.

Excel alla mano ho preparto una mega chart con tutti i voli e programmi di ciascuno. Poi ho iniziato a fare le prenotazioni, contrattazioni e negoziazioni (vi potete immaginare ordinare una torta di compleanno da una pasticceria tedesca al telefono???), studiato l’outfit, comprato un paio di orecchini, un anello e una collana importante e delle scarpe col tacco che non ho messo mai più.

Siamo partiti in 13 dalla Svizzera, una mia amica Indiana veniva addirittura da Helsinki dove si trovava per lavoro, poi uno dalla Turchia, una dalla Polonia, una dalla Germania, una dalla Francia e ovviamente un paio anche dall’Italia per un totale di 23 partecipanti finalisti rappresentati di ben 9 paesi diversi.

Il programma prevedeva arrivo in Albergo 5 stelle con SPA, tempo per lo shopping e free evening di venerdì. Sabato walking tour organizzato con guida privata, peccato che avevo sottovalutato la primavera artica di una città come Amburgo esposta al vento gelido del mare del nord e c’erano -2 gradi nonostante fosse fine marzo. Un po’ di relax prima dei grandi festeggiamenti: aperitivo in un rooftop bar sul porto e poi in taxi verso la cena. Ora, rendetevi conto che in una selezione dei miei amici composta da indiani, turchi, vegetariani e schizzinosi era abbastanza difficile pensare a un menu democratico, ma ho scovato un posto in grado di mettere tutti d’accordo da est a ovest da nord a sud: Kartoffelkeller, un ristorante a base di solo patate in tutti i modi immaginabili! Nel pomeriggio mi ero recata personalmente a ritirare la torta che avevo ordinato per telefono in tedesco e che doveva contenere crema e fragole, scoprendo che si erano però dimenticati di farla, dunque alla vista dei miei occhioni lucidi hanno promesso che ci avrebbero pensato loro e in effetti la torta era lì che ci aspettava alla fine della cena. Ma questo era solo l’inizio, perché abbiamo proseguito in un locale underground con un area privè e molte bottiglie… Domenica non potevamo certo perderci una delle migliori colazioni buffet della mia vita e quindi ci siamo trascinati fuori dai kingsize bed, inutile dire che è stata una giornata costellata da hangover, gran mal di testa, kebab e Coca-Cola fino alla ripartenza serale.

Uno dei più bei weekend della mia vita.

Ho vissuto per tanto tempo con questi ritmi: viaggiando dal venerdì sera direttamente dopo il lavoro e partendo dall’ufficio già con il mio fedele trolley blu superleggero al seguito e rientrando domenica sera, per poi andare a lavoro lunedì mattina senza battere ciglio.

Quando ero giovane.

Ora le occasioni si fanno più rare, i 30 alle mie spalle iniziano ad allontanarsi, mentre navigo verso la prossima decina. E continuo a pensare che siccome le ansie e le responsabilità crescono, così come la frequenza con cui la domanda “quando ti sposi???” disturba i miei apparati uditivi, ci vogliono dei festeggiamenti così speciali ogni tanto. Stay tuned.

(Gli inglesismi qui usati hanno lo scopo di rendere questo articolo, fresh, cool e young. Non vogliatemene troppo.) 

REFERENCES:

https://www.steigenberger.com/en/hotels/all-hotels/germany/hamburg/steigenberger-hotel-hamburg

http://www.empire-riverside.de/fileadmin/pdf/20up_getraenkekarte.pdf

https://en-gb.facebook.com/CHINALOUNGE/

http://kartoffelkeller-hamburg.de/

https://www.toursbylocals.com/Hamburg-Tours?s=AW_02B;_021G_hamburg%20%2Bguided%20tour&gclid=CjwKEAjwq5LHBRCN0YLf9-GyywYSJAAhOw6muYaheu7mQCp3ePSBbj7JnUtKS-oI8ULb2_UHrjdHRhoCDYvw_wcB


FACTS ABOUT HAMBURG:

Hamburg is Germany’s second largest city after Berlin. Its area is seven times than Paris and twice bigger than London .

Hamburg has more bridges than Venice: 2300

Alsterwasser is the local name for a type of shandy (Zitronenlimonade)

Hamburg offers more than 40 theatres, 60 museums and 100 music venues and clubs

Hamburg has 54 hospitals too.

The local “Hummel, Hummel” greeting was originated from a Hamburger water carrier, Georg Daniel Christian Hummel, who during delivery always been accompanied by a bunch of children shouting his name. His successor Johann Wilhelm Benz has been treated in the same manner even so his last name was different. He is upset because of this and angrily answered “Mors, Mors” a short way from saying “Klei mi an’ Mors” which translated as “kiss my ass.” (Mors (North German slang) = ass). If you are in Hamburg and someone greets you with “Hummel Hummel”, you reply with “Mors Mors!”.

Johannes Brahms and the singer Nena (99 Luftballons) are both originary from Hamburg.

Noi, l’Europa e la nostra idea di società

Io spesso sono inquieta. Da quando gli sbarchi sono diventati la nostra quotidianità. Da quando i morti sono diventati talmente tanti che non ci fanno più neanche impressione. L’anestesia del tragico è preoccupante. Ed è tutta colpa della sovraesposizione mediatica dei nostri tempi.

Sono tempi duri per credere nell’Europa, lo so. Con l’Inghilterra sull’uscio. Un’Europa forte no, ma almeno una debole? Abbiamo tolto barriere interne e ne abbiamo create altre esterne molto permeabili. I popoli che si affacciano nei nostri cortili, secondo me, possono anche rendersi conto che non siamo messi benissimo neanche noi, ma non hanno alcuna alternativa comunque. Non c’è più il sogno del migrante, la speranza nel futuro migliore. Per la maggior parte di queste persone qui c’è solo sopravvivere o morire. Un futuro punto e basta o nessun futuro.

E così a lungo andare è probabile che ci indeboliremo sempre più. Ma non per colpa di queste persone che entrano, per colpa nostra che non sappiamo accoglierle. E la nostra Europa che fine farà? Si frammenterà? O Imploderà?

In tutta questa incertezza la gente si sente spaesata e si affida ai media e ai politici (i quali fanno un uso quasi criminale dei social). Con la rinascita dei nazionalismi la Brexit in primis è stata un’amarissima sorpresa, eppure passano i mesi e non si capisce ancora cosa succederà in questo divorzio… I cittadini britannici essi stessi incerti e sconvolti dalla loro propria votazione. Abbindolati da discorsi facili al limite della demagogia di un rinnovato populismo destrista.

In tutto questo la gente che si beve la facile retorica di certi soggetti e commenta poi i centri di accoglienza, che paragona i soldi per il terremoto con gli aiuti per la gestione dell’emergenza immigrazione, che si sente minacciata dalle facce degli stranieri nelle nostre città tanto provinciali, non si domanda mai quale paese stiamo lasciando ai nostri figli? Non si domanda a chi stiamo affidando davvero il nostro destino? E le donne non si ricordano più che il diritto di voto è costato sangue e anni di lotte? Ogni tanto è bene ripetersi certe cose. Tornare ai principi, pensare alle idee che hanno mosso grandi momenti storici e che nel fare i conti con la realtà quotidiana dimentichiamo.

Io in questi momenti di sconforto ripenso a quando ventenne frequentavo le lezione in via del Santo 28. A quanti ideali coltivavo. Alla bellezza dell’essere giovani. Alla forza irruenta delle cose in cui credevo. Alla mia apertura verso il mondo un po’ ingenua un po’ incosciente. E poi mi dico: “Ma la politica non era una cosa onorevole?”.

Tra le cose di cui non ci ricordiamo più e di cui abbiamo perso il senso profondo cito queste:

Avete presente cosa significava l’esilio politico nell’ antica Grecia (vedasi ostracismo), o ai tempi di Dante e fino alla Seconda Guerra Mondiale?

Avete presente che l’Italia è stata uno degli attori più importanti della nascita dell’Europa Unita nel secondo dopo guerra?

Quando mi sento corrotta dai media nei miei pensieri e anche un po’ razzista, quando mi sento sporca e i miei credo traballano con le gambette deboli, ripenso a John Rawls, il mio filosofo politico preferito e al “velo di ignoranza”.

Nella sua “Teoria della giustizia” Rawls con una astrazione immagina che gli individui prima di costituirsi in società si riuniscano per scegliere dei principi comuni che siano equi, non conoscendo però a monte la loro posizione futura, essi opereranno per cercare di rendere la situazione più favorevole possibile per tutti, perché se poi si ritrovassero ad appartenere ad una minoranza sarebbero belli che fregati! (Questo video della RadioTelevisione Svizzera lo illustra molto bene)

Ogni tanto anche se ci siamo già dentro, anche noi ci dobbiamo chiedere: “che società vogliamo?” Noi -che siamo ovviamente tra i fortunati – non dovremmo augurarci ma soprattutto costruire attivamente giorno per giorno un mondo che garantisca i diritti anche a chi è meno fortunato di noi?

Tutto il resto è il bla bla della disinformazione che ci propinano… Ricordatevi per esempio che rispetto agli anni ‘70 in cui l’Italia viveva anni di vero terrorismo, siamo in un periodo di estremo benessere, la violenza globale e le guerre sono diminuite nel mondo, la gente vive più a lungo, al contrario di tutto quello che i media vi fanno credere, stiamo bene, meglio di prima. Non sto negando che ci siano crisi o problemi, ma la scala con cui li misuriamo e percepiamo è sbagliata. La troppa informazione fa sembrare tutto più grave e più estremo. E ogni giorno vissuto nell’ansia che i media producono, è un giorno della vostra vita perso.

UMAMI – IL (QUINTO) SAPORE SEGRETO

Per la serie superpoteri e supereroi, volevo proporvi una nuova sfida. La possibilità di scoprire un’altra cosa magica che abbiamo già in noi, ma molti non sanno. Il quinto gusto. Si, proprio così: dopo dolce, salato, acido e amaro esiste un quinto sapore che a scuola non ci hanno insegnato! L’umami battezzato con la parola giapponese che significa delizioso, perché giapponese è stato il suo scopritore/teorizzatore, il Professore e Chimico Kikunae Ikeda nel 1908.

E’ il sapore associato a specifici recettori del glutammato, che è un amminoacido in natura collegata ad alimenti ricchi di proteine. Purtroppo però l’industria alimentare ha smesso di estrarre questa sostanza naturalmente che viene ora prodotta in modo chimico e usata come additivo di tantissimi prodotti industriali (leggasi E621: il glutammato monosodico MSG, un nemico assoluto tanto quanto il famoso olio di palma presente tipicamente nei dadi da brodo).

Questa sostanza magica è capace di rendere i cibi appetitosi e gustosi, è tipica delle cose fermentate, stagionate, cotte a lungo, stufate. Si capisce dunque perché l’industria alimentare cerca di sfruttare il superpotere dell’umami per venderci prodotti di bassa qualità che non sanno di nulla spacciandocele per buone e creando nelle persone una vera e propria dipendenza da gusto. Avete presente quelli che mettono il ketchup ovunque? O Il Marmite australiano? Addicted to glutamate.

Il glutammato è anche identificato come tipico sapore dei piatti da ristorante cinese (da cui è stata appunto anche nominata una sindrome che causa mal di testa e nausea e deriva dall’ingestione di cibi dove questa sostanza viene addizionata in dosi esorbitanti) o più in generale della cucina asiatica. Tuttavia nella cultura culinaria europea sono da sempre esistiti cibi con questo sapore “naturale” (ad esempio nella Roma antica si mangiavano già cose fermentate e probabilmente molto puzzolenti come il garum). MAPPA UMAMI QUI: http://www.umamiinfo.com/world/

Se volete quindi esercitare il superpotere dell’umami in modo sano e naturale potete sfruttarlo per insaporire i piatti invece di usare il sale. Vi faccio alcuni esempi:

  • acidulato di umeboshi o fish sauce con succo di lime per condire insalate
  • salsa tamari o salsa di soia shoyu (originale giapponese, cioè non quella da supermercato o da sushi restaurant scarso) per esempio da aggiungere alla salsa di pomodoro per la pasta se non avete il parmigiano che è gia super-umami di per sè.
  • gomasio (sesamo tritato) alle alghe
  • alghe bretoni o giapponesi da aggiungere alle zuppe (kombu, nori, wakame si trovano ormai comunemente nei negozi bio – il problema è che costano care…)
  • il miso al posto del dado classico nelle zuppe (che potete arricchire inoltre con tofu, tempe, edamame, tonno essiccato)
  • oyster sauce mescolata con acqua e farina per creare una salsina in padella con cui cuocere gli straccetti di pollo.

Per finire in bellezza, nel libro THE GAME Neil Strauss narra di una bacca magica (miracle berry) in grado di tramutare temporaneamente i recettori del gusto e far percepire dolcissime cose che in realtà non lo sono. Peccato che questa bacca in Europa non si trovi perché il ministero della salute non ha ancora deciso se fa bene/male (perché tra l’altro può essere usata negli integratori per la perdita di peso e quindi può essere pericolosa per la salute se usata senza criterio…). Forse negli States o in Asia si può provare a reperirla, farci un taste party come faceva Neil per rimorchiare in modo alternativo o semplicemente sballarsi di gusto.

Fatemi sapere…

CREDITI E SPUNTI:

http://www.umamiinfo.com/

http://www.rd.com/food/recipes-cooking/13-foods-with-natural-umami/

https://experiencelife.com/article/umami-the-secret-flavor/