Con-senso

Freschissima l’ultima figuraccia di Berlusconi che nella sua viscidità di vecchiaccio quale ormai è (81 anni!!! rendiamoci conto, potrebbe essere mio nonno) non molla il colpo e fa il marpione con la figlia del coordinatore di FI di Aosta, che lo ospitava e lo stava omaggiando con dei cadeau locali.

muccapezzatapiccola500

Lui, sdegnoso dei gadget montanari, dice:” Scelgo lei, la preferisco” e si rivolge a una ragazza di sì e no 20 anni. La quale rotea gli occhi e la testa in un modo spontaneo e ben poco fraintendibile. (Esegue un roll eyes da medaglia olimpica, che chi avesse letto in lingua originale 50 Shades of Grey troverebbe chiaramente ricollegabile alla storia di quella poveretta di Ana Steel che subisce una serie di sfortunate conseguenze e punizioni per il suo impudente giramento degli occhi…)

Fa proprio una faccia come a dire: OGGESU, CHE PALLE STO VECCHIO, oppure, MA CHE SCHIFO, oppure ECCO LO SAPEVO!

Berlusconi pero non la nota nemmeno questa reazione, perché non la sta neanche guardando; del resto a lui mica interessa cosa ne pensa LEI, guarda il pubblico e si preoccupa di rattoppare quello che ha appena fatto peggiorando la situazione e dichiarandosi il vecchiaccio triste che in effetti è: “Cosa non si fa per fingersi più giovani di quello che si è…”.

Infatti non lo sei, sei un nonnetto schifoso impunito e impenitente che ci prova con le ragazzine.

Eccoci qua. Questo è l’esempio MAXIMUS che sono riuscita a trovare in questi tempi in cui i trend topic sono cancelletto-metoo, violenza, femminicidii e cultura del consenso.

Come fai a costruire una cultura del consenso se la donna è rappresentata come l’alternativa ad una mucca valdostana dipinta in ceramica e con le ruote in legno, da scegliere tra gli omaggi.

La donna è un oggetto inanimato, senza voce in capitolo. Un accessorio. Un complemento. Un contenitore vuoto.

Non c’è scelta.

Lei cosa ne pensa di essere scelta da Berlusconi? Lei può dire la sua? Può avere un parere su una cosa che la riguarda? Può rifiutarsi? Può declinare? Può protestare? Può rispondere?

Nella mente di Berlusconi evidentemente no. Il vero problema è che ¾ degli uomini hanno lo stesso modo di vedere le cose, profondamente o superficialmente continuano comunque a ripetere questo schema di comportamento in cui noi non esistiamo. Noi non contiamo.

Io non aspetto altro che vedere una scena diversa per una volta: preso il microfono e gli avrei detto: “CARISSIMO GRAZIE, SONO LUSINGATA OLTRE CHE SCHIFATA, IO PERO NON TI SCELGO, QUINDI PRENDITI STA MUCCA IN CERAMICA E GIRA A LARGO!”

Prima ancora del CONSENSO, dobbiamo mostrare al mondo il nostro DISSENSO.

gaffe

ilsussidiario.net

Annunci

To beat or not to beat (your wife)

Sono stata ad un corso di formazione per commerciali.

Un corso serio, pagato dall’azienda. Con un formatore “maturo” esperto e all’avanguardia.

Premetto e va considerato che a ricoprire certi livelli manageriali in particolare in certi specifici settori di industria “pesante” -di cui faccio parte- ci sono solo uomini, da ambo i lati, sia che comprano sia cha vendono.

Aggiungo che quindi è un ambiente prettamente maschile -se non maschilista. Dove il testosterone galoppa.

Mi trovo dunque a questo corso e siamo 11 uomini e sole due donne -inclusa me. Io sono anche la più giovane presente.

Il corso si svolge con molti esempi pratici e ci sono anche dei momenti di gioco/esercizio in coppia per simulare delle conversazioni con i clienti.

Durante tutta la giornata non mancano i riferimenti alla seduzione, vengo tirata in ballo diverse volte per fare degli esempi, diverse cose tendono a sottolineare la presenza femminile nell’aula, al fatto che c’è una ragazza carina e tutti vogliono fare coppia con lei per l’esercizio.

Sorrido, ma inizio a provare un certo disagio. Perché non possiamo parlare solo di lavoro senza dover per forza declinarlo al maschile o al femminile o al gioco delle parti tra i due?

Non mi interessa screditare il formatore o rovinargli la carriera, dico che chiaramente non era un ignorante, era un professionista del suo settore, eppure era evidente che fosse abituato a relazionarsi quasi sempre solo con uomini. I contenuti sono validi e sono contenta di aver frequentato il corso perché era ben fatto. Ma d’altro canto era evidente nell’aula un sorta di dinamica da branco in cui noi due donne eravamo la minoranza. Una situazione in cui loro si scambiano battute e sottointesi e noi assistiamo da spettatrici/oggetto.

A un certo punto il formatore fa un esempio per spiegare una tecnica commerciale in cui il cliente fa una affermazione netta e precisa sul mercato e sui prezzi e tu venditore ci abbocchi perché non hai i mezzi per sapere se lo dice con cognizione di causa o solo per incastrarti.

Lì per lì non me ne rendo conto, ma a ripensarci dopo questo esempio mi infastidisce e mi indispone.

Si tratta di un vecchio proverbio cinese che fa più o meno coì: “quando torni a casa stasera picchia tua moglie, tu non sai il motivo, ma lei sicuramente sì.” L’audience ridacchia.

Io avrei voluto alzarmi e dire che non mi stava bene, proprio adesso in cui si è risvegliata una certa sensibilità rispetto al tema della violenza contro le donne e giusto la settimana scorsa ci sono state ancora due donne vittime dei compagni gelosi.

Avrei voluto ma non l’ho fatto. Non l’ho fatto perché in quell’istante mi sentivo un agnellino in mezzo ai lupi, e perché non ho avuto la prontezza di contestare. Avrei voluto buttarla ironicamente e dire che siccome in quella sala ero io la donna che lavorava sarei tornata a casa la sera e avrei dato dei calci a mio marito per ribaltare la prospettiva… Perché dove sta scritto che ce lo meritiamo di prenderle sempre solo noi?

Secondo vi quanti uomini quel giorno si sono accorti dell’atmosfera che regnava davvero in quell’aula, a parte me e la mia collega?

Credo fermamente che se ci fossero state 11 donne e 2 uomini e il formatore fosse stato lo stesso non avrebbe parlato nello stesso modo, avrebbe scelto esempi diversi e non si sarebbe sentito parte del branco, sarebbe stato più accorto. Non era un sintomo di ignoranza, ma di superficialità secondo me. Di pensare che va bene così, che non serva modulare il tono in base all’audience ò che magari certe cose non andrebbero dette mai più punto e basta.

Mi sono promessa che se mi ricapiterà non starò zitta stavolta.

Lo faccio per tutte le donne, anche se non va bene odiare. E pertanto se devo riscrivere il finale la storia la faccio cosi:

Stasera quando vai a casa dai un bacio a tuo marito, tu non sai se lo merita davvero, ma lui sicuramente sì.

Potrei non essere una bravissima commerciale, ma sarò piuttosto una donna giusta e onesta.

Post erection… ops i mean election!

Inutile esprimervi la mia amarezza per questo risultato di voto. Il mio voto ideologico, il mio voto filosofico é stato un semino gettato nel vento. Non mi aspettavo granché ma pensavo Emma passasse almeno la soglia…!

(Ecco dunque che si manifesta l’afflosciamento post elezione)

Non trovo il m5s particolarmente convincente, ma sono curiosa di vedere cosa sapranno fare dopo tutti questi proclami di onesta e trasparenza.

Come faranno a mettersi d’accordo con la Lega con cui hanno ben poco in comune? É un matrimonio un po’ precario…

In qs articolo si può graficamente realizzare dove sta la convergenza (scarsa) sui punti del programma dei due partiti vincenti:

Siamo un paese in stallo da vent’anni e faccio fatica a immaginare grandi rivoluzioni a breve. Almeno l’ego del vecchio é stato un tantino ridimensionato direi…

Domenica sera -per la cronaca- io non ho fatto nessuna fila per votare. Dentro, fuori in dieci minuti. Mi sentivo emozionata, come ogni volta, del resto. Il voto é e deve essere un momento emozionante, speciale, di trepidazione. Guardavo le facce e immaginavo le croci apposte sulle schede. É in quell’attimo che ci illudiamo di poter cambiare le cose, di contare e di valere qualcosa. Di poter decidere il nostro futuro. Ecco perché non rinuncio a votare anche se non mi sento rappresentata da nessuno di questi personaggi.

Comunque mentre cerchiamo di capire come andrà avanti, oggi leggevo una cosa che trovavo buffa e anche un po’ grottesca. Un senatore leghista di colore.

Vi allego solo questo piccolo estratto:

A me sembra solo una azione di marketing per darsi credibilità. Ma chi se la beve???

Per continuare a riderci su ecco qua:

https://www.vice.com/it/article/vbpn5m/il-meglio-del-peggio-di-questa-giornata-elettorale?utm_source=vicefbit

Boccette e Bocciofile

Le bocciofile in Emilia sono un’istituzione. Sono luoghi affascinanti dove si incontra l’umanità quella vera. Nell’ultimo anno ho iniziato a frequentarne tante, come capita con una di quelle cose che non penseresti di fare mai nella vita e poi il caso ti ci porta. Prima di tutto non sapevo neanche che esistesse una disciplina chiamata boccette, né che sul tavolo da biliardo si potesse giocare senza stecche, né che esistessero biliardi a buche strette o addirittura senza buche e per di più riscaldati. Il biliardo che conoscevo io era il classico 8 palle, il pool americano da pub, amici e molta birra.

Ho cercato di capire da dove deriva tutta questa diversificazione di sottocategorie e modi di giocare così vari, ma lo ammetto, resto un po’confusa. Partiamo dal fatto che come nella categorizzazione scientifica delle specie animali dove si usano famiglie, genere, classe, ordine, ecc., nel biliardo esiste -tra i mille altri tipi diffusi nel mondo per aree geografiche (lo snooker in UK, la piramide Russa, le specialità orientali…)- un sottomondo di specialità detto biliardoall’italiana. Sotto questo ombrello della carambola ci sono versioni con e senza stecca e con o senza birilli. Quelle senza stecca e cioè a lancio manuale della boccia (la bocciata) hanno sempre i birilli: 4 bianchi e uno rosso centrale, che servono per segnare più punti in partita- e i tipi principali sono due: le boccette e le boccette alla goriziana. Nelle boccette che è la versione che seguo io qui in regione, ci sono 4 palle bianche e 4 rosse per ciascun avversario o coppia di avversari e un boccino blu a cui ci si deve avvicinare il più possibile esattamente come nel gioco delle bocce da spiaggia al “pallino”.

Per ora ho capito che per esempio le boccette non esistono in tutta Italia, sono maggiormente diffuse in Emilia, Toscana, Marche, Liguria. La goriziana va da sé che ha una sue entità e diffusione a nord-est. Al sud non ho capito se e cosa si gioca (credo si siano diffuse solo le versioni con la stecca). Ancora una volta il nostro paese mi stupisce, mi affascina scoprire che sia fatto in realtà da tanti antichi feudi con le loro tradizioni e la loro cultura.

Comunque, tornando a noi, i tavoli da biliardo boccette si trovano dentro le bocciofile che sono attrezzate in primis per servire e intrattenere i nostri cari pensionati con i lunghi campi indoor per il gioco delle bocce. (Luoghi perlopiù freddo umidi che non alleviano i reumatismi.) Anche qui con una tradizione ben più antica e con una diffusione mondiale ne esistono mille varianti (raffa, lyonnaise, petanque…). L’importante, nonché succo della questione di questo breve post, è che nelle bocciofile ci si aggreghi, si giochi a carte e a tombola, si legga il giornale, si beva il caffè, si parli di calcio e politica, ma soprattutto si mangi.

Ora, facendo l’esempio delle boccette, in cui ci sono competizioni a squadre come i campionati regionali con varie categorie (A1-A2-B-C) e competizioni per singoli giocatori; all’interno delle squadre i giocatori sono divisi per gareggiare come coppie o come singoli alle varie gare che si tengono spesso il sabato e la domenica e possono andare avanti dal mattino presto per una giornata intera; da qui la chiara esigenza di rifocillarsi tra una partita e l’altra. E’ interessante e credo piuttosto peculiare della regione Emilia questa commistione tra bocce e cibo. La bocciofila di Modena di Via Verdi è nota servire i migliori tortelloni misti di tutta la città, in un ambiente spartano con le tovaglie a scacchi rossi e bianchi e il puzzo di gnocco fritto che ti rimane addosso per un mese, litri di Lambrusco e Pignoletto DOCG e kg di burro sciolto che unge i piatti. Queste sono le bocciofile emiliane. Che al giovedì sera fanno i Borlenghi e nel weekend cucinano per le famiglie e le comitive di amici. Diciamo che per amore alla fin fine non mi dispiace poi tanto frequentarle, alzarmi alle 7 anche qualche domenica e spesso passare la giornata muta, immobile per non distratte i giocatori concentratissimi e atrofizzata dalle sedute scomode. Come potete immaginare, in tali ambienti la presenza femminile tra i giocatori è molto bassa, nel pubblico anche: a volte ho contato fino a 40 uomini nella stessa stanza e poi io, unica donna. Anche la presenza under 30 é molto scarsa. Nelle bocciofile mi piace osservare questa fetta di Italia, i vecchietti che sonnecchiano col cappello calato, scommetto per chi voteranno alle elezioni, mi chiedo se le loro mogli siano a casa a godersi un po’ di pace e guardare la tv. Chi sono questi giocatori? Quando hanno imparato a giocarci e come ci sono capitati? Che lavori fanno? Sono bravi padri e mariti? Ogni tanto ci sono anche dei gruppi di stranieri che si ritrovano anche loro li a fumare e fare qualche partita a carte, segno del nostro tempo e di un’Italia che, se vuole, sa integrare.

mia nonna era monarchica

Mia nonna Ines nacque il 27 gennaio 1918 a Meduna di Livenza, aveva la terza elementare e avrebbe volute studiare – la riforma che introdusse l’obbligo scolastico fino a 10 anni di età (5 di scuola elementare) fu varata nel ‘23 mentre lei terminò la scuola quando raggiunse l’età di 8 anni nel 1928.

Ci ho pensato mentre mi immaginavo i mei prossimi 35 anni professionali prima di una pensione che forse non basterà neanche per pagare le bollette. Come faremo a lavorare ancora per tutti questi anni fino a 70-80 anni quando saremo rintronati come delle campane, ma soprattutto considerato il mio attuale livello di sopportazione massima fisso a 3 anni nello steso ruolo.

Da linkedin.com

Il nostro sistema universitario impone un percorso lungo e troppo teorico. Se tutto va bene dopo aver fatto mille lavoretti come barista, cameriere, impacchettatore di regali sotto natale nei centri commerciali mentre finivi gli studi, entri nel mondo del lavoro tra i 26 e i 28 anni senza avere nessuna idea di cosa significhi stare alle dipendenze di qualcuno. Produrre qualcosa, dover rendere conto dei risultati, ricevere uno stipendio.

Ecco mia nonna a 10 anni era già fuori dai banchi di scuola a fare la sarta, si occupava dei fratelli piccoli e poi andò anche a servizio in Svizzera.

Siccome a casa avevano la macchina da cucire c’era un soldato tedesco che durante la seconda guerra mondiale si stabilì a casa loro. Lei mi diceva sempre che era gentile e fu una occupazione cortese per così dire. Geograficamente stiamo parlando del triveneto, avete presente il ponte di Bassano e i partigiani?

Mio nonno Vincenzo era un alpino e dopo la guerra faceva la guardia forestale e trasferì tutta la famiglia in Alto Adige. Nei racconti di mia mamma di quando era piccola ci sono cose come: stalle, cavalli, mucche, inverni freddi e servizi igienici in mezzo al cortile non in casa. Polenta e latte a colazione. Legna per il fuoco. Giocare con un legnetto e immaginarci un mondo…

Avete presente quando si dice “ha lavorato una vita”??? Ecco quelli sì erano anni in cui si lavorava una vita, una vita intera, con una infanzia interrotta precocemente a favore di anni e anni e anni di sacrifici.

Ma che ne sappiamo noi? Le prospettive attuali sulla cessazione dell’attività lavorativa sono talmente assurde che non trovo nessun senso logico nel preoccuparmene. Penso alla mia nonna e mi faccio coraggio.

Mia nonna votò per la prima volta il 2 giugno del 1946 e votò Monarchia, quando me lo raccontava mi diceva che i reali le stavano simpatici e le dispiaceva che andassero via.

I RADICALI SONO I BUONI

Se la politica fosse una serie tv o un film di fantascienza i radicali sarebbero i BUONI e Emma Bonino praticamente sarebbe come il maestro Yoda.

Reuters

La nuova campagna elettorale ha fatto riemergere in me un senso di nausea per il desolante panorama politico attuale. Personaggi ed interpreti: da un lato una specie di Darth Vader vecchio e grottesco che muore e poi resuscita sempre, un giovane Luke Skywalker che sembra paladino del bene ma in realtà è figlio del male pure lui, un robot ottuso, un gorillone peloso che parla solo a versi, eccetera eccetera… i parallelismi sono molti e lampanti.

Insomma ho pensato che per una volta anche se la legge elettorale non premia il voto ai piccoli a causa delle soglie di sbarramento e strategicamente non ha senso votare con un voto che va perso chi non è sicuro di passare, questa volta me ne frego, vorrei stare dalla parte dei buoni.

I radicali sono fortissimi nella teoria e nei principi etici e forse –si dice- poco forti nella pratica. Del resto è vero anche che finché rimangono un isolotto felice di utopie e non possono davvero governare non si scontrano con la difficoltà concreta di far quadrare il cerchio. Ve lo chiedete mai voi come sarebbe un mondo (o almeno un’Italia) governato dai radicali?

Tanto per ricapitolare, i principi a cui si rifanno i radicali sono (dal sito www.radicali.it):

la difesa dello stato di diritto e della democrazia, il metodo della nonviolenza-gandhiana, la laicità e la libertà religiosa, il federalismo europeo, l’ambientalismo, l’antiautoritarismo, il liberalsocialismo, l’antimilitarismo, il liberalismo democratico, l’antiproibizionismo. (…)

Al Prntt (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito) si devono riforme storiche quali la legalizzazione di divorzio e aborto, l’obiezione di coscienza, il voto ai diciottenni, la chiusura delle centrali nucleari, la riforma del sistema elettorale in senso maggioritario, la depenalizzazione dell’uso personale di droghe leggere, l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, la chiusura dei manicomi, l’approvazione della prima legge europea sui diritti dei transessuali.

Un mondo ecologicamente sostenibile, con la prostituzione regolamentata, la marijuana libera, i diritti umani garantiti, gli immigrati come fratelli, i gay e i trans come vicini di casa con i loro figli adottivi; in cui chi vuole morire muore dignitosamente, il tutto dentro un’Europe federalista. A qualcuno, il mondo dipinto così farebbe sicuramente inorridire e invece a me incuriosisce.

Un mondo in cui i buoni trionfano sui cattivi e la galassia può prosperare. Bisognerebbe dargli una possibilità…

Spiegazioni sul Rosatellum da Le formiche.it

“(…) sono le segreterie di partito a predeterminare, decidendo l’ordine di lista, chi entra in Parlamento, senza alcun ruolo da parte dell’elettore. Nel proporzionale puro della prima Repubblica, va detto, era possibile invece votare fino a tre singoli candidati. Le liste che non raggiungono l’1 per cento non portano voti al loro schieramento. A questo punto si suddividono i seggi in base alle percentuali ottenute dalle coalizioni e dalle singole liste a livello nazionale per determinare quanti seggi spettano a ciascun soggetto.”

difetti della vista di storia e politica

Ho riguardato “1992 la serie” di recente, e ho pensato al grande ritorno di Berlusconi in questo 2018, ho pensato che mentre vivevamo la sua ascesa in quegli anni in cui esplodeva manipulite, non sapevamo che sarebbe durato tanto, ma i segnali c’erano tutti.

Immagine di Berlusconi prima e dopo.

(a parte notare che ha più capelli adesso che nel 1994, ma vogliamo davvero tenerci ancora tra i piedi sto vecchio???)

Ad esempio, se riguardiamo con gli occhi di oggi gli avvenimenti di allora, i rapporti della politica e dell’industria con la mafia sono lampanti. Io ero bambina, ma me ne ricordo tante di quelle notizie che ascoltavo seduta sul tappeto verde pino del salotto la sera, quando mia mamma guardava il TG1 di Frajese, Badaloni, Lilli Gruber con la frangetta phonata… Gli attentati. Gli scandali. Lo show del Bagaglino. L’esilio di Craxi. Il discorso che fece Bettino alle Camere sul finanziamento illecito ai partiti.

Se lo riascolto oggi, quel filmato che per me è un simbolo di rottura importantissimo, mi fa venire i brividi. Si fa anche un po’ fatica a seguirlo –lui che era il mago della retorica- ma in quel video dice delle cose gravissime. Dice che si sa da sempre che i partiti ricevono fondi irregolari attraverso canali non ufficiali. Al processo Cusani dice anche che questa pratica è nata dopo la seconda guerra mondiale quando i servizi segreti volevano controllare i partiti e la situazione politica in Europa (cita le fonti illegali del PC fornite dal KGB fino all’81). Era perfino normale in quel contesto storico. Poi questa pratica è rimasta in uso e si è evoluta, e la zona grigia è cresciuta, e improvvisamente manipulite ha voluto scoperchiare situazioni che sapevamo tutti che andavano avanti così da tanto, tanto tempo… Parla anche di Napolitano – un uomo che 20 anni dopo era ancora al potere de è diventato il nonno beniamino di mezza Italia e nostro Presidente della Repubblica- di quando era Ministro degli esteri per il PC e non poteva non sapere; e della FIAT e di tutti gli interessi privati che improvvisamente si dichiararono vittime dicendo di essere stati concussi quando erano loro stessi concussori e finanziavano i propri interessi economici in politica.

Craxi ha ammesso le tangenti ma non ha mai ammesso il fine di arricchimento personale (vedasi Enrico Cuccia e i lingotti nascosti nei pouf del salotto). Insomma in quel filmato Craxi dichiara una cosa tanto palese e tanto grave che quando ce l’hai davanti per la prima volta non la vedi. Non la metti a fuoco. Devi prenderne distanza come i presbiti. Se solo –mi dico- contro altri personaggi venuti dopo o altre vergogne del nostro paese l’opinione pubblica avesse avuto la stessa reazione, la stessa indignazione dimostrata alla caduta di Craxi. Invece è diventato normale e nessuno si è stupito più del fatto che siamo governati da certi soggetti. Che il mondo è pieno di ladri. Invece di demonizzarli abbiamo consacrato a idoli nazionali persone come Maurizio Corona, per fare un esempio non-politico. E questo dice molto.

Ecco, siamo dei presbiti rispetto alla storia, rispetto a quello che succede di epocale nel momento in cui avviene. Vediamo il presente sfuocato. Io che sono convinta del fatto che solo alla presenza del dubbio sul reato chi ricopre ruoli pubblici dovrebbe allontanarsi per primo dai saloni del potere. Figuriamoci i pluricondannati. E dopo 26 anni ancora non siamo riusciti a epurarci da quel tipo di politica, da quelle stesse persone. Ci rendiamo conto di quanto sia grave che 30 anni della storia del nostro paese, del nostro destino di Italiani, si rimbalzano sempre tra gli stessi esseri umani??? Dove saremmo potuti essere oggi se avessimo sfruttato questi 26 anni disfandoci di quelle persone –lo dico colpevoli o no, onesti o corrotti che fossero, non importa, disfarcene solo per il principio del ricambio. Come quando al mattino apri la finestra per cambiare aria, perché fa bene punto e basta.

Ma la storia è viva, è una bestia che si agita mentre cerchiamo di domarla, la storia accade mentre la viviamo e proprio per questo non la comprendiamo. Non la percepiamo nei segnali di allarme che ci dà. Per questo –e va fatto spesso- bisogna fermarsi e ripensare, rielaborare, mettere a fuoco. Aprire cassetti, rileggere cose, riascoltare racconti come questo video di Craxi.

Tra qualche anno sui libri si leggerà di Trump e della crisi con la Korea e ci sarà un prima, un durante e un dopo. Ci sarà una linea di eventi definita. Delle cause e delle conseguenze che emergeranno. Solo che adesso, mentre le viviamo non le possiamo vedere. Ogni tanto al mattino mentre ascolto la radio mi chiedo cosa succederebbe se facessero esplodere qualche bomba per davvero. Se ci fosse davvero una guerra nucleare. Se andremmo a lavorare lo stesso. Come niente fosse. Cosa diremmo a chi amiamo quando li salutiamo al mattino perché non sappiamo se li rivedremmo la sera. Mi chiedo queste cose. Come rivaluteremmo tutto e metteremmo in discussione ogni singola cosa (tra cui il nostro sistema politico) che adesso per pigrizia e per accidia lasciamo stare così com’è. Com’è sempre stata.

Questo mi fa pensare che anche per le relazioni sia così. Gli amori si possono mettere in prospettiva solo allo scadere di un certo tempo, solo trascorso un certo periodo. Perché le cose si depositano, i fatti sedimentano e le emozioni stratificano e poi si possono vedere chiare. Ci si può vedere attraverso, alle emozioni, dopo che il torbido è diventato limpido e si ridistribuiscono le colpe. L’amore non è cieco, l’amore è presbite.