CAFFE’ CALMO

Venerdì mattina. Sveglia ore 6.10. Appuntamento per esami del sangue e urine ore 7.00.

Ore 6.50 fila davanti all’ambulatorio con altri 5 anziani, 3 signori e 2 signore. Mi prendono 4 provette con 4 tappi colorati, l’infermiera è brava e non mi fa per niente male; ma nonostante abbia premuto forte per qualche minuto quando mi rimetto in macchina la maglia mi si macchia di sangue.

Ore 7.15 sono già fuori e decido per una bella colazione al bar come premio prima di andare in ufficio. Ho finito talmente presto che il permesso PAR che ho chiesto neanche mi servirà perché sarò al lavoro anche prima del solito.

Sì, vado in quel bar dove un mio amico mi ha detto fanno degli ottimi cappuccini cremosi, devo fare una piccola deviazione dal percorso, ma ho tempo e poi ne vale la pena, dice lui.

Entro. Metà del locale ha dei lavori in corso per ampliamento. Penombra. C’è una signora che strilla in continuazione correndo da un lato all’altro del banco, da un lato ci sono le brioche e da un lato consegna i caffè. Non mi fa neanche guardare bene l’offerta esposta: PREGOOOO, LEI?? COSA PRENDE??? COSA LE DO? PER LEIIIII????

E un altro signore dietro il banco che continua a chiamare caffe e cappuccini a destra e sinistra. Tutta questa ansia mi sembra eccessiva, ci sono pochi clienti e sono assonnati e tranquilli come me, qualche operaio, qualche pensionato, qualche giovane. Non mi sembra che nessuno stia per morire o voglia consumare il pasto tipo pit-stop Formula 1 in 0.8 secondi netti. Eppure loro continuano a urlare e lanciare caffé qua e là e sbattere in faccia le brioche alla gente dicendo: PREGOOOOOOOOO!!!!! DICAAAAAA!!!!

Io mi immaginavo di sedermi in uno di quei posti all’americana, su un divanetto morbido, di sentire in sottofondo una musichetta lounge o al massimo la radio e bermi il mio cappuccino in pace. Invece ho avuto proprio fretta di andare via, di scappare, ho bevuto in piedi, ho pagato subito e sono tornata alla macchina tristissima.

Volevo un momento per me. Per riconciliarmi col mondo. Già è abbastanza imbarazzante presentare la propria pipì in una provetta a degli sconosciuti di mattina presto con altre persone in fila che ti guardano (chiedendosi se la gradazione del giallo sia quella giusta per dare l’impressione che io sia fondamentalmente sana…).

Sono piccole cose che fanno le differenza. In questo caso una differenza netta in negativo. Se solo questi gestori si rendessero conto dell’ambiente che hanno creato senza nessuna ragione valida. Immagino sia così tutti i giorni perché sono abituati a pedalare, senza dubbio, perché loro lavorano eh… Certo, ma a volte basterebbe fermarsi e guardarsi introno e ricalibrare un poco.

Annunci

Una risposta a “CAFFE’ CALMO

  1. Ho la spiegazione: la titolare lavorava al bar della stazione ferroviaria di Milano Lambrate. Chi c’è stato sa che: a) lì i baristi dell’ora di punta sono dei fenomeni; b) entri per un caffè 5 minuti e già è come se avessi fatto 2 ore di computer e telefono….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.