Turchia

Camion con le tendine di pizzo.

Campi di girasole.

Non riesco a smettere di sorridere guardando il mondo da questo finestrino, il mio autista non parla inglese nè tantomeno io il turco, eppure abbiamo comunicato.

Palazzi in costruzione.

“Siamo in Turchia” dice buttanto il mozzicone dal finestrino (qui si fa cosi).

In questo preciso istante so perchè adoro viaggiare.

La stessa sensazione che si prova quando fai un tiro di sigaretta dopo molto tempo, ti fa girare la testa, un pochino.

L’energia che entra nei miei occhi ad ogni incontro con una cosa nuova.

Pensare in un modo diverso, e che le cose si fanno anche in un modo diverso.

Un tramonto.

Il mare alla fine di una strada in discesa.

Se ci pensi questo in fondo é lo stesso mare, solo da un lato diverso.

Un matrimonio con 500 invitati.

Eppure la sensazione di festa ha lo stesso sapore in ogni posto, celebrata con ogni ballo, pronunciata in un SI declinato in tante lingue.

Si adesso me lo ricordo perchè mi piace viaggiare.

Un nuovo aeroporto, una nuova valigia.

Una storia d’amore con una nuova città.

La luna piena sopra le nostre teste, esattamente sopra il mare.

Fumo denso, dal sapore di mela e menta ci avvolge.

Luci di navi in lontananza.

3 risposte a “Turchia

  1. Sai che l ho sentita alla radio l altro giorno e ho pensato che nonostante l ultimo carboni non mi piace per niente, questa canzone e proprio speciale!
    Grazie del pensiero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...