Morire aspettando… L’amore nei paesi ricchi

C’é gente che é morta aspettando…
Sono giunta alla conclusione che i paesi ricchi sono posti sfavorevoli alle relazioni sentimentali. 14036845-salute--amore-verso-la-ricchezza
Deve essere cosí se ci pensate. Prendete la Svizzera. Se sei ricco e hai tutto e ti compri le cose che vuoi, perché dovresti sbatterti per conquistare qualcuno o faticare per far funzionare un rapporto? I paesi ricchi viziano le fondamenta dei compromessi sentimentali e rendono pigri. E guardate che dico ricchi per dire, cioé non serve essere milionari, ma questo é un posto dove la gente sta bene, si può permettere di viaggiare e togliersi molti sfizi senza troppe preoccupazioni. Non sono neanche tanto attaccati alla famiglia, e questo per me non è altro che una conferma di questa teoria. Ragioniamo per estremi, vi va? Facciamo un po’ di bungee jumping della mente. Allora la povertà é ovvio che spinge a socializzare no? Perché le famiglie povere sono strutture socialmente forti, microorganizzazioni votate alla sopravvivenza, si fanno tanti figli, si sta insieme perché bisogna. E così forse, se volete, si impara anche che a volte ci sono cose necessarie. La ricchezza invece spinge all’individualismo estremo, all’autosufficienza al non-bisogno, alla non-voglia. Penso di aver visto sufficienti giovani uomini che escono in gruppo esclusivamente per stare tra di loro. E non é che ci sia niente di male a voler stare coi propri amici, però prendete il maschio medio italiano: non perderebbe mai una occasione per rimorchiare, anzi venderebbe sua nonna e tutto il gruppo gli farebbe da spalla. Invece qui é così, escono per stare tra loro, al massimo ti guardano ma non vengono mai a parlarti. Se ci vai tu invece danno per scontato che ci andrai a letto. Oppure che li vuoi sposare. Non esiste una dimensione del “conosciamoci, scambiamoci il numero”… Gli svizzeri non chiedono il numero e se si, forse giusto per cortesia perché per la maggior parte degli uomini (codardi) é piú facile fingere e dirti una balla piuttosto che essere onesti e dire: “è stato bello, tanto non ti chiamerò mai…”. Io mi sono abbastanza rotta le scatole della gente che dice cose che non pensa. Ma chi te lo ha chiesto? Pensi di farmi un favore? Invece no! Vivo in un mondo frustrato in cui é quasi impossibile capirsi perché la comunicazione é tremendamente falsata. Cioé immaginatevi: voi credete di parlare una lingua e che se dite A uno risponda B. E invece ricevete Z, X, W, qualche K forse… che poi nel mio alfabeto neanche esistono! E vi trovate esterrefatti dalle circostanze. E poi é estenuante oltre che perplimente.
Insomma facciamo che io sono un tipo con un buon lavoro, mediamente belloccio, un appartamento, una donna delle pulizie, un super grill in terrazza, una macchina, un conto in banca che non piange ma anzi é piuttosto ottimista, i miei amici che sono come me, i miei interessi, sono mega fit e sportivo, viaggio e mi diverto. A me una donna non serve, non mi viene neanche il dubbio che mi manchi qualcosa, in più so anche stirarmi le camicie! E le giovani donne intorno sono altrettanto e si snobbano a vicenda.
Un mio amico ha chiesto a una che ora fosse, fuori da un locale, e lei lo ha guardato malissimo, quasi gli sputava in faccia, e senza dirgli la risposta ha solo detto: “Guarda che ho il ragazzo!”. Ecco a questi livelli.
E quindi veniamo alla seconda parte della storia che troverete presto qui (…)

4 risposte a “Morire aspettando… L’amore nei paesi ricchi

  1. Grazie, apprezzo moltissimo il tuo contributo… Mi ha fatto riflettere… Spero verrai a leggere la seconda parte…

  2. Pingback: Ipertecnologismo dei rapporti moderni | REDROOM's Weblog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...