I baci dei film

Ci sono quei baci che ti capitano poche volte nella vita. Se poi uno é in una relazione e innamorato c’hanno anche piu senso, ma non é detto. Metti che invece ti capitano che sei single e non te lo aspettavi… Hai presente? Quelli che veramente ti senti catapultato nella scena di un film, col pubblico (90% donne sul divano coi kleenex stretti in mano e sparsi ovunque intorno) che fa “ohhh” e poi vorrebbe ucciderti ed essere al tuo posto. Ecco quelli li.
E stato un po’ di tempo fa ormai, ma una volta mi é capitato uno di quelli, che ci ripensi per giorni, lo senti e lo rivedi in loop nella tua testa, e giri con una faccia da cretina, diciamo per 48 ore, poi pian piano passa…
E mentre eravamo sulla pista io ti sbirciavo da sotto il palco dove stavi -diciamo- ballando, ma facevo un po finta di niente sperando invece che mi guardassi tu. E poi. E poi sei sceso e mi hai preso la mano per invitarmi a ballare, ma siccome io ti ho chiesto se sapevi davvero ballare la salsa e tu mi sa che ti sei arreso subito, abbiamo fatto finta di niente. Mi piacciono quelli che cercano il contatto, ma con rispetto, cioé senza metterti le mani addosso, ti sfiorano un po’, si avvicinano a piccoli gesti con la scusa di parlarti che non si sente una mazza qui dentro! Intanto ti annusano e tu pure. Peró intanto un po’ anche scappi e controlli da lontano. Ecco eravamo lí accanto al bar e io stavo parlando che sembrava stessi dettando a una campionessa di velocità di battitura testi. Si perché un po’ é vero che la vicinanza mi metteva a disagio, poi mi sono girata e ho commentato: Ah, hai visto il deejay?” E non c’entrava niente infatti. E praticamemte non me ne sono neanche accorta che sarebbe successo. Mi hai preso il viso tra le mani, tra il profilo della mandibola e il collo e mi hai dolcemente inclinato a destra posando le tue labbra sulle mie. E io d’istinto ho chiuso gli occhi e ho pensato “cazzo” -scusa la finezza, ma la verità. Poi li ho riaperti ma solo un pelo per controllare i tuoi, che erano effettivamente chiusi, perché é vero che ho letto in un libro di non fidarsi mai di chi bacia ad occhi aperti. E finalmente é finito tutto intorno. Il rumore, la gente. Ho sentito solo il bacio. Un po’ mi concentravo e poi dicevo a me stessa: “non é ancora finito?!” Giusto per sprofondarci veramente dentro, constatando che fosse vero. Io e te. Fusi insieme. E non me ne poteva fregare di meno del resto del mondo in quel momento lì. E piano piano mi hai stretto sempre di piú, mi hai tirato verso di te. Il contatto, la concretissima consistenza del tuo corpo contro il mio a ineludibile evidenza del reale. Una volatilissima emozione che si fa concreta per un attimo. E come in un fading out la scena si é sfocata. Tu sei tornato tu e io, io. E ho detto: “E adesso?” Che era l’unica cosa davvero sensata da chiedersi ad alta voce, dopo una cosa così.

20130827-091600.jpg

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...