il miserabile – goodbye Berlusconi

Siamo liberi? Possiamo cantare vittoria? C’e ebrezza ma anche attesa nel Paese, come non ci credessimo piu davvero che se ne va, per sempre. Forse ci abbiamo sperato troppo negli ultimi vent anni.

Ovviamente se ne va e ci lascia in mutande, un paese sull orlo del baratro con l’ FMI che viene a farci i conti in tasca prima che qualcuno faccia conti falsi come in Grecia. Un paese allo scatafascio dopo 20 anni di pagliacciate di Berlusconi e dei suoi illustri ministri (ricordiamo che in generale si tratta di una manica di ignoranti o sciaquette da proteggere). E tutta in salita  adesso ragazzi, ma almeno forse recuperiamo un po’ di dignita; sgualcita, stropicciata, sbavata, macchiata, ma la recuperiamo, come dal cestino e con la mano la stiriamo e la lisciamo e nostalgicamente ci domandiamo se varrà ancora qualcosa. Certo i bond italiani non valgono granchè. Me lo dice la mia mamma, che si meritava la pensione proprio quest’anno, ma adesso sembra che se la puo scordare, o quantomeno se le danno la liquidazione (se!) gli e la daranno tra due anni in titoli di stato buoni a nulla… Tutto congelato, tempi di stringere la cinghia.

Ora chiunque verra dopo, vorrei solo dire un paio di cose. Governi tecnici o elezioni, o sinistra alla ribalta o grandi coalizioni. Comunque sia è tempo di pedalare alla grande, per tutti, e apriamo gli occhi risvegliandoci dal mondo roseo che ci ha venduto lui dicendoci che stavamo benissimo… Io spero che tutti si rendoano conto delle balle e dei sogni che ci ha venduto. Spero soprattutto pero che vengano date occasioni al paese per cambiare rotta. Anche ad Obama sembra che si stia prognosticando lo stesso, certo anche lui in una sola legislatura ha fatto quel che ha potuto, ma la gente guarda all’economia e dice Obama ha fatto male, siamo stufi, non lo rieleggiamo… La gente non ha pazienza. Purtroppo è sempre cosi che prima vengono quelli che ci mangiano sopra e poi tocca agli altri ripulire e quando e tempo di ripulire la gente é scontenta e dopo mezza legislatura torna a guardare con nostalgia ai demagogi, almeno loro ci intoppano la testa e non ci fanno pensare, a non vedere non si soffre. Ma qui e il caso di aprire gli occhi grandi come palle da bowling e guardarsi intorno. Intanto ci siamo ridotti a zimbello d’Europa e del mondo… Per far collassare un sistema bastano pochi pesanti colpi assestati (giustizia e istruzione per comiciare), ma per ricostruire un Paese, una storia, una coesione, un futuro, ci vogliono miracoli.

Penso a che ore sta passando adesso lui, come deve essere triste, è parecchio che non lo si vede sorridere, forse non ha piu neppure volgia di bunga bungare… Dicono già i giornali americani che pianifichi la fuga in un paradiso esotico (alla Craxi tanto per ribadire da che tipo di gente ci facciamo condurre).. certo è finita l’immunità, adesso sono cazzi, gli tocca vedersela con mille processi aperti! Mi fa cosi pena povero, alla fine il suo e stato un declino orribile, a guardar bene una uscita di scena penosa. Ma è quel che capita a chi vuol troppo, e alla fine non stringe nulla, oddio, certo lui stringe i suoi miliardi, il suo impero di imprese e le sue donnacce in realtà, però io sono convinta che lui sia il tipo a cui interessa molto di piu il potre, il prestigio, il brivido del comando… perciò questa miseria gli farà male. Sarà ferito da questa miseria. Il miserabile.

Noi da qualche parte si deve comnciare, io comincio stappando una bottiglia. Adesso viene meno il primo degli ostacoli che avevo posto da tempo al mio rientro in patria: torno in Italia quando se ne va Berlusconi. Ecco fatto! C’e voluto solo un disastro economico di proporzioni europee per togliercelo di torno. Nè le collusioni mafiose, nè gli scandali sessuali furono abbastanza. A dire il vero la gente era quasi piu interessata/scioccata dai rapporti con le donne che non da quelli con la mafia (non so, ci rendiamo conto?!).

Mi ha stupito quanto sul web sia esploso finalmente il fastidio represso degli italiani con milioni di gruppi tipo “Basta vattene!”, basta mettere su google goodbye Berlusconi o simili… c’è da sorridere almeno un attimo, il tempo di affrontare il dramma che ci attende per riassestarci. Cosa resterà? E soprattutto che ne sarà poi?

vi segnalo un paio di link:

http://www.repubblica.it/politica/2011/11/09/foto/berlusconi_dimissioni_la_satira_online-24715411/1/

http://www.theweek.co.uk/eurozone/fall-berlusconi/42219/goodbye-berlusconi-welcome-back-political-turmoil

http://berlusconivattene.com/

PS For my new english-speaking blog followers, sorry but I had to vent this in italian. I hope google translator can offer a decent version of it.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...