FU-GA(AL)LE-OTTO (ovvero: consigli per la serata)

Un articolo che ha per titolo una specie di rebus non promette chiarezza. Percio’ sappiate che scrivero’ un po a caso di tutto. Del resto ci sono molte cose che non ho capito di questo ultimo periodo della mia vita. Per un po’ avevo in testa solo una domanda ricorrente: e cioe’ dove finisce l’amore quando finisce? E poi mi e’ venuto il raffreddore e contemporaneamente anche il blocco dello scrittore, ma non nel senso che non riuscivo piu’ a scrivere, anzi ho scritto un sacco, ma solo su uno stesso tormentato argomento. Pare sia la sindrome dello scrittore che soffre per amore (il raffreddore non c’entra, quello in realta’ ce l’ho sempre). Per uscire da questa empasse, non si sa come, ma mi sono tornati utili il Fantafobal (usato come intermediario romantico stile Paolo e Francesca del 5 canto di Dante) e lo Champagnone bresciano del Sig. Beppe Viselli, uno stimolatore intelletuale creativo usato come diluente di una serata tra vecchi amici… Sembra ci sia dentro arancia, prosecco, ghiaccio, brendy e un ingrediente segreto che nessuno sa! Io che ne ho avuto abbastanza dello spritz padovano (anche detto altrove Pirlo) e come friulana lo spritz per me e’ sempre stato un bianco con gazzosa, mi converto volentieri allo champagnone. Se qualcuno e’ astemio li tra il pubblico suggerisco il succo di pomodoro condito (limone, tabasco, sale, pepe e origano) e non fate quelle faccie perche’ in Polonia (dopo la Birra con sciroppo e la wodka, ovviamente!) uno dei miei drink preferiti era il succo Tymbark alle verdure che purtroppo in Italia non esiste. Ad ogni modo ho scoperto che c’e gente che legge davvero quello che scrivo… solo che alle 8 dovevo andare via, tipo Cenerentola anticipata e quindi mentre parlavo e la mia interlocutrice diceva che in realta’ mi ero espressa male, alla fine e’ nato il titolo di questo articolo. Per quanto riguarda la prima domanda finora ho capito che l’amore finisce, a volte finisce e basta, a volte finisce per sbaglio… comunque se e’ andato perso direi che e’ piu utile farsene uno nuovo che continuare a cercare quello di prima. Non sapete cosa fare stasera? Ecco risolto: comprate gli ingredienti e cercate con ripetuti tentativi di riprodurre a casa lo champagnone, bevete il tutto e poi guardatevi questo film tedesco: “Vom Suchen und Finden der Liebe” (sceneggiato da Patrick Suskind, quello di “Il Profumo”), entro le otto che poi devo andare, grazie.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...