A TUTTO C’E’ UN LIMITE, TRANNE CHE A FACEBOOK

Se tu, lettore accanito del Fantafobal, non sai ancora cosa sia Facebook allora, o studi troppo e non hai una vita sociale, o sei un ingegnere, o entrambe le cose! Non dico che devi avere un account per forza, ma almeno sapere cos’è! Comunque se lo conosci e lo eviti, forse fai bene (!) perché ormai Facebook è diventata la droga di questo millennio, la piaga del tremila, che si diffonde e contagia milioni di persone senza sosta. Quanti amici ho che hanno detto: lo provo solo un po’ per vedere com’e e poi mi cancello e invece sono scivolati lentamente nel baratro della dipendenza e hanno finito per riempire la propria pagina di mille applicazioni tra cui Tramezzini, Winnie Pooh, addicted to Seven Heaven nonché si sono iscritti a gruppi tipo fan di Chef Tony, Giudice Santilicheri e preserviamo la verginità di mia cugina Giuseppina! (e chi più ne ha più ne metta). Attenzione con questo articolo non voglio criticare il Librofaccia dato che ne sono anche io utente (sufficientemente moderato per ora), voglio solo raccontare cosa sta diventando. Un po’ mi spaventa, a essere sinceri, l’idea di essere contattata dai miei compagni delle elementari con una richiesta di amicizia, che poi se la ignori che figura fai??? Non era meglio non incontrarsi mai più e basta??? Mi spaventa quella gente che scrive tutto di se stessa, ti dice anche ogni quanto si cambia le mutande e in che cassetto le tiene, così se tu per caso sei un maniaco omicida, alla fine desisti pure a uccidere perché è troppo facile, sai già tutto, che gusto c’è?! Dall’altra parte però sono riuscita a contattare i miei parenti lontani di cui avevo perso le tracce e abbiamo costituito il gruppo Capodicasa in the world per rimanere unti, ma soprattutto Facebook mi è servito tantissimo durante l’Erasmus e anche dopo… Insomma sappiate che se lo provate non ne uscirete più, vi consiglio però di farne buon uso, con cautela, e soprattutto ricordatevi di rispettare la privacy degli altri (del resto chi vorrebbe essere continuamente tempestato di e-mail di invito a certi gruppi o riempito di post osceni). Ma soprattutto sappiate salvaguardare la vostra, è incredibile quanti affari altrui ti puoi fare in cinque minuti: chi si è lasciato, chi è in una open relationship, chi ha scoperto di essere bisex, chi vuole il tuo sostegno per reintrodurre l’ornitorinco tibetano in Puglia… Perciò controllate le vostre opzioni di privacy, l’account e tutte le applicazioni che utilizzate e che hanno accesso ai vostri dati e alla vostra mail, e buon cazzeggio internettiano!
Lau

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...